Category Archives: My Posts

Di che rinnovabili parliamo

Di che rinnovabili parliamo

Di Paolo Errani – Roma 4 aprile 2017 – Secondo uno studio pubblicato di recente dal World Energy Council (“Variable Renewables Integration in Electricity Systems 2016 – How to get it right”) con il supporto del Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano (CESI, società italiana di testing e consulenza ingegneristica) “le energie rinnovabili, incluso l’idroelettrico, contano a livello mondiale per il 30% del totale della capacità di generazione installata e per il 23% della produzione totale di energia elettrica e con nuove tecnologie, nuove prassi operative e policy aggiornate ci può essere un incremento ulteriore.

Tali risultati nell’immaginario collettivo potrebbero facilmente essere associati a sterminati campi fotovoltaici o foreste di pale eoliche.

In realtà, esaminando la ripartizione per fonte rinnovabile della produzione di elettricità, si scopre che il ruolo dell’idroelettrico è ben saldo al 70%, seguito a grande distanza dal 16% dell’eolico, dal 9% delle biomasse e dal 5% del fotovoltaico. (Percentuali calcolabili da quelle del grafico qui sotto, che è fornito dalla rete di esperti e portatori di interessi nel campo delle rinnovabili riuniti sotto il nome di REN21.)

Fig.1 Ripartizione per fonte energetica della produzione di elettricità a livello mondiale. Stime a fine anno 2015. Fonte: Renewables 2016 Global Status Report, Renewable Energy Network for the 21st Century (REN21), 2016.

Se poi si considerano i consumi energetici mondiali nel loro complesso, ossia tenendo conto anche di quelli ad oggi non ancora alimentati dall’elettricità (e.g. riscaldamento degli edifici, acqua calda sanitaria, cottura dei cibi, ecc.), ecco che il ruolo delle biomasse diviene preponderante.

Infatti, quando parliamo di “energia rinnovabile” senza meglio specificare, c’è un buon 50% di probabilità che stiamo parlando di legna e sottoprodotti di agricoltura ed allevamento!

È un dato di fatto di cui abbiamo già discusso in occasione del Workshop di Ekoclub presso la manifestazione Fare i conti con l’Ambiente-Ravenna2016.

Per la precisione le fonti rinnovabili oggi come oggi coprono circa il 19% dei consumi energetici globali. E di tale percentuale ben più del 50% è dovuto alle biomasse, di cui la gran parte sono legna e sottoprodotti di agricoltura ed allevamento; mentre l’idroelettrico vale un buon 20%. Le altre fonti rinnovabili hanno solo un ruolo marginale.

Fig. 2 Copertura percentuale dei consumi energetici mondiali. Stime a fine anno 2015. Fonte: Renewables 2016 Global Status Report, Renewable Energy Network for the 21st Century (REN21), 2016.

Infine, è interessante notare che, sempre secondo le stime del REN21, confrontando i dati 2013-2014 con quelli 2014-2015 le rinnovabili hanno conquistato in un anno appena lo 0,1% della copertura dei consumi energetici mondiali, senza minimamente scalfire il ruolo dei combustibili fossili, ma limitandosi a sottrarre tale fettina di mercato alla produzione elettronucleare.

Insomma, c’è ancora molto lavoro da fare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 − due =


Storia – Ekoclub international – blog ufficiale

Regolamento – Ekoclub international – blog ufficiale

Vercelli. Progetto Vento. Ekoclub è in prima linea nel progetto cicloturistico. – Ekoclub international – blog ufficiale

Vercelli. Progetto Vento. Ekoclub è in prima linea nel progetto cicloturistico.

Il progetto cicloturistico “Vento” del Politecnico di Milano offre elevate opportunità di sviluppo turistico per il territorio Vercellese. Al convegno di presentazione erano presenti il neo-Presidente della Sezione Ekoclub di Vercelli, Carlo Rivellino, e dal Coordinatore per la Regione Piemonte, Vincenzo Decarolis.

Vercelli – 13 novembre 2017 – Il progetto VENTO, che prevede la realizzazione di una importante e impegnativa pista ciclabile, la più lunga d’Italia, è stato illustrato lo scorso 9 novembre, nella splendida sede del Seminario Arcivescovile di Vercelli.

Torino e Venezia saranno collegate dalla ciclovia ideata e progettata dal Politecnico di Milano e per la quale lo scorso 28 settembre è stato pubblicato il Bando di gara per la progettazione della ciclovia VENTO del valore di 1.800.000 € . Il primo tra le ciclovie che appartengono al Sistema Nazionale di Ciclovie Turistiche. Il primo bando di gara italiano per una infrastruttura cicloturistica di lunga distanza. Un progetto molto importante, che avrà un impatto consistente sull’economia e sul lavoro e l’occupazione.

Un’opportunità di sviluppo negli ambiti più diversi, dalle strutture di accoglienza di ogni livello lungo il percorso, alle officine di riparazione per le bike, dai lavori di manutenzione della ciclovia, all’offerta di pacchetti turistici, “all inclusive”, comprendendo sia offerte di nicchia sia offerte dedivate a un turismo più massivo. Per per non parlare poi di tutto l’indotto che ruota intorno alla costruzione vera e propria della ciclovia. Fondamentale in quest’ottica la presenza in forze della CISL (Unione Sindacale Territoriale Piemonte Orientale) che ha promosso la manifestazione e i cui Dirigenti hanno ben presentato la dimensione occupazionale del Progetto VENTO, sostenendo una rete virtuosa di relazioni, con l’occhio attento ad una maggiore attenzione per l’Ambiente, fino a prospettare la possibilità di un “Patto territoriale per il turismo”.

Numerose le Autorità intervenute, a cominciare dall’Arcivescovo di Vercelli, Mons. Marco Arnolfo al Sottosegretario al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Dott. Luigi Bobba, dal Prof. Paolo Pilleri, responsabile del Progetto VENTO del Politecnico di Milano alla Sig.ra Antonella Parigi, Assessore alla Cultura e al Turismo della Regione Piemonte, dalla Sindaca di Vercelli Sig.ra Maura Forte ai Signori Alessio Ferraris e Luca Caretti, Segretari Generali della CISL Piemonte, tanto per citarne alcuni.

Gremitissima la sala, che ha visto anche la partecipazione di numerosi giovani delle Scuole Superiori.

Ekoclub International era presente con il neo-Presidente della Sezione di Vercelli, Sig. Carlo Rivellino, parte attiva della manifestazione anche come rappresentante CISL, affiancato dal Coordinatore per la Regione Piemonte Sig. Vincenzo Decarolis, che nel corso del pomeriggio ha presentato alcuni video a tema di Natura ed Ambiente, caratteristici delle zone fluviali che la ciclovia andrà a percorrere.

Durante il workshop pomeridiano, i rappresentanti Ekoclub hanno gettato le basi per collaborazioni future con il settore del turismo, e soprattutto con il mondo delle Scuole, con proposte di interventi mirati alla conoscenza del Territorio per sensibilizzare i ragazzi al rispetto e all’attenzione verso l’Ambiente.

Obiettivo è quindi “cominciare dal basso” un’opera di formazione di una coscienza civica, indispensabile per un futuro sostenibile. Un’occasione importante per fare conoscere i diversi ambiti operativi di Ekoclub, fondamentali per diffondere la cultura del rispetto verso l’Ambiente  che porterà sicuramente ad ulteriori sviluppi.

IMMAGINI

– foto 1 Palazzo Juvarra, sede del Seminario Arcivescovile, con vista sull’ingresso alle Sale dedicate a S. Eusebio e S. Carlo

– foto 2 Scorcio della Sala S. Eusebio, gremita di Autorità, estimatori e studenti

– foto 3 Uno dei numerosi interventi, con la parola alla Dott.ssa Parigi, Assessore alla Cultura e al Turismo della Regione Piemonte

– foto 4 La postazione Ekoclub, presidiata dal Pres. Provinciale di Vercelli. Sig. Carlo Rivellino (a sinistra) e dal Coordinatore Ekoclub Regione Piemonte Sig. Vincenzo Decarolis (a destra)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × uno =

Valorizzare il patrimonio naturale del territorio – Ekoclub international – blog ufficiale

Valorizzare il patrimonio naturale del territorio

Raggiunta quota 976 slm. Un tricolore nuovo sul monte Maio, famoso per essere stato al centro della linea “Gustav”.Monte Maio (FR) – 7 maggio 2017 – Valorizzare il  “contesto montano, che permetta ai giovani ed a quanti amano la natura di scoprire le bellezze naturali incontaminate del nostro territorio. Mi auguro che a breve quanti intervenuti siano disponibili per un’altra simile iniziativa, volta a sottolineare il valore del patrimonio naturale, a volte sottovalutato, o semplicemente dato per scontato, del nostro territorio, un territorio montuoso, collinare che si estende fino al mare, come dimostra il caso del sopra citato Monte Maio, dal quale si può godere la vista del Golfo di Gaeta.”

E’ la proposta lanciata la scorsa domenica da Pasquale Ciacciarelli in occasione della escursione sulla vetta del Monte Maio, famoso per essere stato centro della linea Gustav durante le cruente battaglie della Seconda Guerra Mondiale, a confine tra i Comuni di Coreno Ausonio e Vallemaio.

Un percorso escursionistico, organizzato dallo stesso Ciacciarelli, tra i boschi immerso in una meravigliosa cornice che sovrasta la Valle del Liri ed il Golfo di Gaeta, per raggiungere la vetta a quota 976 metri s.l.m.

Accompagnato da simpatizzanti di associazioni di ecologia e ambientalismo italiano, tra i quali vedeva in prima fila Ekoclub International guidata dalla Vicepresidente  Daniela Iovine, è stato reso  onore al Tricolore omaggiando la comunità locale di una nuova bandiera italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei + quindici =

Una nuova app per telefoni cellulari contribuirà a tracciare i rifiuti marini – Ekoclub international – blog ufficiale

Una nuova app per telefoni cellulari contribuirà a tracciare i rifiuti marini

Segnaliamo il progetto dell’Unione Europea denominato Marine Litter Watch.

di Paolo Errani – Si tratta di una applicazione per telefoni cellulari intelligenti (smartphone) sviluppata dall’Agenzia europea dell’ambiente (AEA).

Plastica ed altri detriti o sottoprodotti dell’attività umana si stanno sempre più accumulando nei mari e sulle coste, danneggiano la fauna selvatica marina e creando una potenziale minaccia per la salute di tutti.

La composizione, il movimento e le origini dei rifiuti che finiscono nei nostri mari e sulle spiagge non sono ancora ampiamente compresi.

Le informazioni e i dati sui rifiuti marini sono essenziali per rafforzare la base di conoscenze, per affrontare il problema e per fornire supporto alla creazione di politiche europee.

Gruppi organizzati o semplici cittadini possono utilizzare l’applicazione per caricare i dati sui rifiuti che trovano sulle spiagge.

Questi dati verranno utilizzati per comprendere meglio il problema e per sostenere una risposta politica formulata nella direttiva quadro sulla strategia marina europea (Marine Strategy Framework Directive).

L’applicazione è già disponibile per i dispositivi Android e lo sarà presto per iPhone e iPad.

Qui di seguito il link per scaricare l’apphttps://play.google.com/store/apps/details?id=com.litterwatch&hl=it

È in fase di studio la possibilità di utilizzare questo tipo di app anche per segnalare i rifiuti che si trovano nei fiumi, nei laghi o sulle rive. Seguiremo con attenzione questo ed ulteriori sviluppi.

____________________________________________________________________________________________

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

9 + 18 =

Un ventilatore neonatale donato all’ospedale di Formia con il contributo della sezione locale di Ekoclub – Ekoclub international – blog ufficiale

Un ventilatore neonatale donato all’ospedale di Formia con il contributo della sezione locale di Ekoclub

Formia 7 ottobre 2017 – Questa mattina, alle 11 presso il reparto di Neonatologia e Pediatria, è stato donato un PIP neonatale, l’indispensabile strumento in grado di assistere i neonati con deficienza respiratoria.

Pip Neonatale – Immagine generica

E’ stato il Presidente della Pro Loco di Formia, avvocato Pierfrancesco Scipione, insieme agli altri soci, a consegnare l’apparecchiatura nelle mani della dottoressa Maria Giovanna Colella.

La ventilazione meccanica è una forma di terapia strumentale che, attraverso un ventilatore meccanico, supporta il paziente, il neonato in questo caso, con insufficienza respiratoria grave, permettendogli di ventilare adeguatamente e mantenendo scambi gassosi nella norma fra polmoni e ambiente.

L’acquisto del Pip Neonatale ha richiesto un lungo lavoro ed è stato frutto di una serie di iniziative messe in piedi dal sodalizio con il Centro Socio-Culturale di Trivio, l’Associazione Ekoclub International di Penitro e la Comunità Parrocchiale “Don Bosco” di Formia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 × 1 =

Torrita di Amatrice. Una biblioteca per guardare al futuro. L’iniziativa di Ekoclub. – Ekoclub international – blog ufficiale

Torrita di Amatrice. Una biblioteca per guardare al futuro. L’iniziativa di Ekoclub.

Il 24 agosto sarà la ricorrenza dello sciame sismico che ha colpito il centro Italia e Ekoclub di Rieti lancia un invito per la realizzazione di una biblioteca di libri usati a Torrita di Amatrice.

Torrita di Amatrice 26 luglio 2017 – Una ricorrenza da vivere nel rispetto della memoria, ma anche con la spinta a guardare al futuro e alla ricostruzione.

Sembra questo lo spirito con cui l’Ekoclub Rieti fa la proposta di far nascere una piccola biblioteca di libri usati proprio tra i Monti della Laga, e più precisamente nella nuova Base Ekoclub Rieti Onlus a Torrita.

Lo slogan “Il mio corpo sulla terra. Il mio spirito tra le nuvole. E tutti e due dentro un libro” racconta di una biblioteca a disposizione di tutti, presso la quale chi vorrà possa prendere in prestito, leggere e riconsegnare i volumi «affinché possano restare sempre “vivi”».

La scelta dell’usato, va infatti interpretata come volontà di fare dei libri il veicolo della storia di chi dona e di chi riceve. Carta stampata letta da vivere nel ricordo di chi non c’è più e alla presenza di chi combatte ogni giorno.

L’invito dell’Ekoclub è dunque quello di prendere ciascuno un libro dalla propria collezione privata, non importa se romanzo, libro di ricette, testo sulla natura, volume per ragazzi o bambini, e inviarlo a Piccola Biblioteca Ekoclub 24 agosto, via Salaria 182, 02010 Torrita di Amatrice (Ri).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 2 =

Workcamp – Ekoclub international – blog ufficiale

Archivio Tag: Workcamp

Vercelli – Ekoclub international – blog ufficiale

Archivio Tag: Vercelli

Vercelli. Progetto Vento. Ekoclub è in prima linea nel progetto cicloturistico.

Il progetto cicloturistico “Vento” del Politecnico di Milano offre elevate opportunità di sviluppo turistico per il territorio Vercellese. Al convegno di presentazione erano presenti il neo-Presidente della Sezione Ekoclub di Vercelli, Carlo Rivellino, e dal Coordinatore per la Regione Piemonte, Vincenzo Decarolis. (altro…)

vigilanza – Ekoclub international – blog ufficiale

Archivio Tag: vigilanza

Vincenzo Decarolis – Ekoclub international – blog ufficiale

Archivio Tag: Vincenzo Decarolis

UNESCO – Ekoclub international – blog ufficiale

Archivio Tag: UNESCO

toscana – Ekoclub international – blog ufficiale

Archivio Tag: toscana

turismo – Ekoclub international – blog ufficiale

Archivio Tag: turismo

Vercelli. Progetto Vento. Ekoclub è in prima linea nel progetto cicloturistico.

Il progetto cicloturistico “Vento” del Politecnico di Milano offre elevate opportunità di sviluppo turistico per il territorio Vercellese. Al convegno di presentazione erano presenti il neo-Presidente della Sezione Ekoclub di Vercelli, Carlo Rivellino, e dal Coordinatore per la Regione Piemonte, Vincenzo Decarolis. (altro…)

UE – Ekoclub international – blog ufficiale

Archivio Tag: UE

UNESCO – Ekoclub international – blog ufficiale

Archivio Tag: UNESCO

termovalorizzatore – Ekoclub international – blog ufficiale

Archivio Tag: termovalorizzatore

terremoto – Ekoclub international – blog ufficiale

Archivio Tag: terremoto

In preallarme uomini e mezzi di Ekoclub del Centro Italia.

Roma, 25 agosto 2016  – A seguito del tragico evento sismico che ha colpito il Centro Italia, Ekoclub International ha messo in preallarme gli uomini ed i mezzi delle regioni interessate dal terremoto.

La PROTEZIONE CIVILE della Regione Lazio ha posto in stato di allerta i gruppi di volontari dell’associazione attivi sul territorio coordinati dal responsabile nazionale Roberto Lancini che, con il vicepresidente Giuseppe della Corte e ad Armando Baiocchi, responsabile del Gruppo di Accumoli Terracina, segue le drammatiche vicende che hanno interessato la provincia di Rieti e le zone limitrofe.

Ekoclub International –

Associazione nata negli anni 70 per ricostruire un modo corretto di vivere e pensare la natura. Fondata da profondi conoscitori dell’ambiente e delle sue più sane tradizioni , liberi da preconcetti e lontani da visioni disneyane. Assolutamente senza scopo di lucro e confermata tra le ONLUS, annovera tra i suoi iscritti diverse decine di migliaia di persone, con tendenza alla crescita. Attualmente il presidente è l’avvocato Fabio Massimo Cantarelli ed il vicepresidente dott.  Roberto Lancini.

Fiore all’occhiello dell’associazione è l’oasi di Canneviè, che è lo sforzo maggiore profuso da Ekoclub per l’ambiente: un posto sicuramente da vedere e vivere.  La differenza di Ekoclub da altre associazioni ambientaliste è la centralità dell’uomo rispetto all’ambiente e di conseguenza la sua possibilità di raccogliere i frutti vegetali ed animali della terra, con rispetto e per reale necessità.

sicurezza ambientale – Ekoclub international – blog ufficiale

Archivio Tag: sicurezza ambientale

Smog – Ekoclub international – blog ufficiale

Archivio Tag: Smog