News

il Parco regionale ai raggi X dell’Ekoclub International

Partenio.Le guardie volontarie dell’Ekoclub International della sezione provinciale di Avellino non vanno in vacanza. Infatti, nei giorni scorsi, in pieno Ferragosto, gli uomini del Club ambientalista, guidati dal presidente Pietro Angelo Valente, hanno effettuato un controllo sul vasto territorio del Parco Regionale. In particolare, hanno monitorato i monti e le vallate di Montevergine, Cervinara, San Martino Valle Caudina, Piano di Lauro, Fontana dell’Acqua fredda e Valle Stretta.

Non sono state registrate particolari inadempienze da parte nei numerosi frequentatori delle nostre lussureggianti foreste. Solo qualche abbandono di rifiuto, e, in particolare, è stato registrato il ritrovamento di una carcassa d’auto, probabilmente abbandonata da molto tempo visto lo stato in cui si trova (vedi foto).

Marilena Melillo

 

Partenio: Tutela e valorizzazione del territorio

Stamane, presso la sede dell’Ente Parco Regionale del Partenio a Summonte, il Presidente Francesco Iovino ha illustrato in una conferenza stampa ai sindaci dei Comuni ricadenti nel Parco e alle  Associazioni ambientaliste e non, il programma che darà un forte impulso all’azione di promozione, salvaguardia e protezione del territorio del Partenio.
Il Presidente Francesco Iovino intende dare una svolta all’attività del Parco e lo fa’ partendo dalla Costituzione di un Forum delle Associazioni di volontariato e dalla sottoscrizione di Convenzioni con le Associazioni di volontariato di Guardie Ambientali per garantire un’adeguata vigilanza e combattere il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti e per attuare una prevenzione degli incendi dolosi.
Con la Regione Campania sono poi previste diverse azioni: l’inserimento del sentiero – Sentieri Italia Grande Traversata del Partenio- all’interno dell’Atlante Digitale dei cammini d’Italia; il risanamento igienico sanitario del territorio; il prolungamento della carica di Presidente dell’Ente Parco a cinque anni; interventi sui Cammini minori e accatastamento. Inoltre, saranno attivati progetti con il GAL-WWF. 
Ampia la partecipazione alla conferenza: oltre ai giornalisti, il WWF, CLUB Alpino italiano gruppo grandi carnivori, l’Associazione Ekoclub International provinciale, Federcaccia, URCA e gestione fauna e ambiente, CAI Avellino, Falchi Avellino, Associazione NOGEZ, Nucleo operativo guardie ecozoofile Capriglia Irpina, i Sindaci e i delegati all’Ambiente dei Comuni di Ospedaletto d’Alpinolo, Mercogliano, Quadrelle, Mugnano, Pietrastornina, Arienzo, Forchia, San Felice a Cancello e Pannarano.
Durante la conferenza stampa è stato presentato anche il nuovo progetto “Dona un albero” illustrato da Patrizia Capriolo, collaboratrice dell’Ente Parco: un’iniziativa che coinvolgerà cittadini, associazioni, attività commerciali, enti ed istituzioni nella piantumazione di nuovi alberi e sarà cura di un Comitato scientifico del Parco la valutazione della tipologia di piante e l’individuazione dei luoghi da rinaturalizzare.
Sarà possibile quindi donare un albero al nostro Parco attraverso l’intermediazione di vivai che aderiranno all’iniziativa attraverso un modulo a breve scaricabile sul sito 
www.parcopartenio.it e sulla pagina facebook https://www.facebook.com/enteParcoPartenio/
 
«Con questo progetto – dichiara il Presidente Iovino – “il Futuro è legato all’ambiente”, vogliamo salvaguardare la nostra salute e donare più ossigeno all’ambiente perché l’obiettivo prioritario del Parco non sono le infrastrutture, ma la promozione, la salvaguardia e la conservazione della biodiversità. 
La conferenza si è conclusa con la presentazione della scultura di Vladimir De Thezier, che rappresenta un postumano che respira dall’ultimo albero della terra.
(Marilena Melillo)

 

“Piacenza” Fauna senza segreti ragazzi sul Trebbia grazie all’Ekoclub

 

In principio fu Alfredo Cavanna, piacentino grande esperto e conoscitore della fauna e dei fiumi: fu lui dieci anni fa, a partire da Gragnano, a tenere delle lezioni di tipo ambientale per i ragazzi delle scuole primarie e secondarie della zona. Ora che Cavanna non c’è più l’associazione Ekoclub continua a tenere viva questa tradizione che, anno dopo anno, si ampliata anche alle altre scuole tra Valtrebbia e Valtidone. L’associazione in questi 10 anni ha sviluppato il progetto in varie scuole del territorio: Gragnano Trebbiense, Rivergaro, Gazzola, Calendasco, Rottofreno, Borgonovo Val Tidone, grazie alla preziosa collaborazione del presidente di Ekoclub Romina Cattivelli (che è anche anche membro del direttivo nazionale) e di Giuseppe Ferri che ha curato lo svolgimento delle attività presso i vari circoli didattici. A fine anno scolastico, tutti i ragazzi sono tornati sul Trebbia. Le lezioni si svolgono in due fasi: la prima consiste in una lezione teorica di due ore, in cui si illustra la popolazione animale che vive sul nostro territorio, tramite la proiezione di alcune slides. La seconda fase, quella più stimolante. è una lezione pratica di due ore in cui gli studenti saranno accompagnati dagli insegnanti e dai responsabili di Ekoclub sul greto del fiume più vicino a loro, per toccare con mano quanto è stato loro illustrato in classe. Il progetto, che si svolge in forma totalmente gratuita, viene proposto annualmente alle scuole. «Il riscontro, in questi anni, è stato molto positivo – sottolineano dall’associazione – poiché i ragazzi mostrano interesse e curiosità, pongono domande pertinenti agli argomenti affrontati e si appassionano alla varietà dei temi proposti. Come associazione ci proponiamo, per il futuro, l’ampliamento del progetto con un arricchimento degli argomenti, soprattutto riguardo le problematiche ambientali, tema oggi di grande attualità»

Fonte del quotidiano Liberta’

 

 

Ritratto giovane femmina di camoscio

Ritratto intenso e ricco di significati, tra cui spicca la mancanza di timore alcuno nello sguardo di questa giovane femmina di camoscio. Si è chiesta per un tempo lunghissimo, quasi un minuto, chi fossi veramente…                                         Alta Valle Gesso, Prov. di Cuneo

V. Decarolis Responsabile Ekoclub Regione Piemonte.”