Palazzolo, il workcamp quest’anno sarà coordinato dall’Ekoclub International

Coordinato da Ekoclub  International e grazie alla disponibilità del Comune di Palazzolo sull’Oglio  anche quest’anno  l’esperienza del workcamp, un’iniziativa di volontariato internazionale, celebra la sua quarta edizione.

E’ grazie al palazzolese Roberto Lancini, vicepresidente nazionale  di Ekoclub International e dei volontari e soci della locale Sezione dell’ Associazione, che  il 13 luglio scorso ha avuto inizio l’esperienza  2016 di Workcamp.

L’iniziativa è stata presentata in una conferenza stampa  dove il presidente di Ekoclub International amb. Fabio Massimo Cantarelli ,  il vicepresidente Roberto Bruno Lancini, il sindaco Gabriele Zanni,  l’assessoriale politiche giovanili Dott. Gianmarco Cossandi, nella sala giunta del palazzo municipale, hanno presentato l’iniziativa che vede,  dal  12 luglio, l’ arrivo a Palazzolo sull’Oglio di dieci giovani volontari provenienti da Francia, Grecia, Russia, Serbia e Taiwan, affiancati da un gruppo di giovani volontari locali, per lo più legati all’Associazione Linea Catartica,  e che saranno impegnati in lavori  di cura del verde di alcuni spazi attigui al Castello (o Rocha Magna) e nel supporto alla realizzazione dell’evento musicale giovanile “Resta in festa”.

Il presidente Cantarelli, dopo  aver premesso  che “l’Uomo, fin dagli albori, è stato raccoglitore, cacciatore e pescatore, agricoltore e produttore di beni e servizi” , ha illustrato la mission di Ekoclub International che “riconosce e valorizza il ruolo peculiare ed esclusivo dell’Uomo, soggetto che si colloca al centro e al vertice evolutivo della Natura.”

Proprio per la sua natura di essere intelligente, ha proseguito il presidente di Ekoclub International, “l’Uomo, che ancor oggi, peraltro, “raccoglie, “preda”, costruisce, distrugge, in modi diversi dagli altri esseri viventi, ma con grandezze omogenee, è anche capace di inventare, coltivare, allevare, trasformare e produrre, di trasmettere conoscenza e cultura, di consolidare tradizioni  e di scoprire, al progredire della sua conoscenza, nuove risorse e nuove abbondanze in materie prime ed in riserve inizialmente ignote.”

In ragione di questo – ha evidenziato l’amb. Cantarelli – “grande è la responsabilità dell’umana generazione con riguardo al Mondo”.

Il vicepresidente Roberto Bruno Lancini, ispiratore della iniziativa, ha ricordato che  per le due settimane di permanenza, il gruppo di ragazzi soggiornerà presso alcuni spazi messi a disposizione dalla Fondazione Galignani attrezzata all’accoglienza grazie anche al supporto del Gruppo Alpini di San Pancrazio.

Attività di giardinaggio,  pulizia di sentieri, realizzazione di pannelli segnaletici e tanto altro scandiranno le mattinate e i pomeriggi del gruppo di volontari.

Come nelle precedenti edizioni, non mancheranno momenti ricreativi e di svago, il tutto nell’ottica di innescare dinamiche di collaborazione e di scambio tra volontari e locali in un ambiente piacevole e favorevole all’instaurarsi di relazioni.

Durante il tempo libero verranno proposte anche attività sportive (canoa e arrampicata) ed escursioni alla scoperta del territorio (Franciacorta, Lago d’Iseo, Bergamo, Lago di Garda, Verona, Brescia). Le giornate lavorative dei ragazzi si concluderanno con serate interculturali di conoscenza del territorio e di contatto con le realtà locali.

Ekoclub ha coinvolto coloro che, a titolo personale o come organizzazione, hanno espresso la volontà di collaborare alla realizzazione dell’esperienza sul territorio del Comune di Palazzolo per valorizzare il proprio ambiente e quindi a tutti i componenti di una comunità che a titolo formale o informale si dedicano al volontariato.

“Si tratta di un progetto – ha proseguito Lancini – già sperimentato con risultati positivi negli anni precedenti e che quindi si é inteso riproporre. L’aggregazione tra un gruppo di giovani (europei e non solo) che hanno culture diverse é senza dubbio un’esperienza dinamica e formativa già in sé e il valore aggiunto del progetto sta nel legame che il gruppo di giovani stranieri insieme ai palazzolesi  avrà con la città ospite, recuperando e valorizzando uno dei suoi luoghi caratteristici.”

IMG_6664 IMG_6665 IMG_6667 IMG_6668 IMG_6669 IMG_6671

_______________________

Ekoclub International –

Associazione nata negli anni 70 per ricostruire un modo corretto di vivere e pensare la natura. Fondata da profondi conoscitori dell’ambiente e delle sue più sane tradizioni , liberi da preconcetti e lontani da visioni disneyane. Assolutamente senza scopo di lucro e confermata tra le ONLUS, annovera tra i suoi iscritti diverse decine di migliaia di persone, con tendenza alla crescita. Attualmente il presidente è l’avvocato Fabio Massimo Cantarelli ed il vicepresidente dott.  Roberto Lancini.

Fiore all’occhiello dell’associazione è l’oasi di Canneviè, che è lo sforzo maggiore profuso da Ekoclub per l’ambiente: un posto sicuramente da vedere e vivere.  La differenza di Ekoclub da altre associazioni ambientaliste è la centralità dell’uomo rispetto all’ambiente e di conseguenza la sua possibilità di raccogliere i frutti vegetali ed animali della terra, con rispetto e per reale necessità.

Logo-Header-ekoclub

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 4 =