“Muffa”, alla scoperta della fauna locale

– Legnano, 25 giugno 2017 – La “Muffa” è un’area che si estende quasi interamente nel territorio di San Giorgio su Legnano, interdetta all’attività venatoria per tutto l’arco dell’anno, all’interno della quale è stato realizzato un museo all’aperto.

Tra boschi e sentieri lo scorso sabato è stata organizzata, a partire dalle 21,30,  un’escursione notturna lungo un percorso  di circa 1,5 km, alla “scoperta” del paesaggio agricolo della pianura lombarda dell’alto milanese.

Circa 75 i partecipanti che si sono avventurati sul percorso dell’escursione, lungo il quale è stato allestito un museo all’aperto che ha permesso a bambini, giovani e meno giovani, tutti muniti di torce elettriche, di conoscere una nicchia ecologica sconosciuta ai più.

I partecipanti hanno così potuto scoprire le caratteristiche morfologiche, attitudinali e comportamentali della tipica fauna autoctona che con abitudini crepuscolari e notturne popola le nostre aree rurali.

Sapientemente inseriti nella vegetazione e sui rami, i vari animali imbalsamati, circa venti, hanno permesso all’esperto naturalista Mauro Donetti di spiegarne ogni dettaglio.

Si è così passati dai rapaci notturni quali allocco, civetta e barbagianni, uccelli tipici di zone d’aperta campagna che cacciano prevalentemente ai margini dei boschi, ai mustelidi, degnamente rappresentati dalla donnola e dalla faina, che predilige le aree forestali o boschive ed è comune anche in aree antropizzate, dove si adatta alle aree periferiche e rurali degli insediamenti umani. Per terminare con i mammiferi di grosse dimensioni, come il corpulento cinghiale che si è peraltro ben radicato nei nostri territori grazie alle sue straordinarie doti di resistenza ed adattabilità. 

In questo modo il pubblico, indirizzato dai vari accompagnatori – ben riconoscibili nei loro gilet arancioni ad alta visibilità con il simbolo dell’associazione ambientale dell’EKOCLUB – , si è potuto divertire a scoprire lungo il percorso didattico gli animali seminascosti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 5 =