Ambiente: in scadenza l’ultimo avvertimento UE all’Italia

A rischio una sanzione di oltre 1 miliardo di euro. Ministro Galletti: “sono stati fatti notevoli passi in avanti per mettere in condizione le Regioni, che sono responsabili degli interventi, di operare con la massima rapidità: abbiamo reso disponibili 11 milioni per quei comuni che hanno attuato nei periodi di maggiore concentrazione di smog una serie di misure anti-inquinamento”

Roma 11 marzo 2017 –  E’ in via di scadenza l’ultimo avvertimento pervenuto da parte della UE relativamente alla messa in sicurezza della qualità dell’aria. Il richiamo dell’Unione Europea, peraltro l’ultimo prima che scatti un provvedimento sanzionatorio, ha riguardato le persistenti violazioni dei limiti imposti per il biossido d’azoto (NO2). Un inquinante che è legato a doppio filo con il traffico veicolare e per il quale il numero di decessi di cui è responsabile sono considerevoli. Secondo l’ultimo rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente, nel 2015 sono state ben 66.630 le vittime imputabili al particolato (polveri ultrasottili PM2,5), 21.040 per il biossido d’azoto e 3.380 relativamente all’ozono (O3). Tre inquinanti per i quali la direttiva 2008/50/CE stabilisce  ben precisi limiti.

Ecco perciò che, in caso di superamento di tali limitazioni, gli Stati membri hanno l’obbligo di adottare le opportune contromisure. In questo periodo invernale che sta andando a esaurirsi, ben 12 sono state le aree del Bel Paese interessate dal fenomeno inquinante tra cui Roma, Milano e Torino, facendo perciò scattare l’ennesimo richiamo. Già in passato l’Italia venne ripresa e una volta condannati dal tribunale europeo per la violazione dei limiti PM10 in 55 aree geografiche nel 2006 e nel 2007. Da quel momento leggeri miglioramenti sono stati registrati ma le violazioni sono proseguite anche nel 2008-2012 obbligando quindi la Commissione a avviare due procedure d’infrazione, una per il particolato e una per il biossido d’azoto. Ed ora siamo ormai prossimi alla scadenza dei due mesi concessi dall’ultimo richiamo, peraltro inviato anche a Francia, Germania, Regno Unito e Spagna, con il quale la Commissione chiede di compiere maggiori sforzi ai tre livelli istituzionali (Nazionale, Regionale e Comunale) per tutelare la salute pubblica.

Per il Ministro Gian Luca Galletti, da fine 2015 sono stati fatti notevoli passi in avanti per mettere  in condizioni le Regioni, che sono responsabili degli interventi, di operare con la massima rapidità avendo reso disponibili 11 milioni per quei comuni che hanno attuato misure anti-inquinamento nei periodi di maggiore concentrazione di smog.

“Governo, Regioni e comuni – ha dichiarato il Ministro Galletti – hanno già scelto di lavorare insieme per la qualità dell’aria e di farlo programmando misure finalmente strutturali, uscendo dalla logica delle risposte emergenziali. E’ chiaro a tutti che il problema dello smog non si risolva da un giorno all’altro: è il motivo per cui non può sorprendere l’apertura della seconda fase dell’infrazione, rispetto alla quale siamo del resto in buona compagnia in Europa. Siamo convinti che la Commissione riconoscerà il nostro cambio di marcia”.

Ora si tratta di verificare se gli sforzi sono stati sufficienti o se invece la “pratica” dovrà passare alla Corte di Giustizia che sarà anche titolata a stabilire la reale consistenza della sanzione che potrebbe risultare di importo superiore al miliardo di euro. In proposito il Ministro Galletti ha rilasciato un ottimistico comunicato: “Nel bacino padano, area per sua conformazione tra le più critiche sotto il profilo dell’inquinamento il lavoro con le quattro regioni interessate sta dando i risultati, a partire dal decreto sulla certificazione di qualità delle ‘caldaiette’. L’attuazione della direttiva Nec e il relativo programma nazionale di riduzione delle emissioni – conclude Galletti – sarà un ulteriore tassello di un’azione mai così determinata per elevare la qualità ambientale dei nostri centri urbani” a cui ha fatto eco Ekoclub: “Ancora un volta – osserva il presidente Fabio Massimo Cantarelli – la complessa articolazione di competenze non giova ad una spedita risoluzione dei problemi. Va preso quindi come un lodevole auspicio la citata “azione mai così determinata” come viene definita dal Ministro…”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 4 =